Sulla scia di Facebook, anche Twitter rimuoverà i post che negano l’Olocausto, e che sono considerati in violazione delle norme del social contro l’odio online. Lo ha reso noto un portavoce della società a Bloomberg.

Sebbene le regole di Twitter non affermino esplicitamente che negare eventi violenti è un atto contrario alle norme, la portavoce ha spiegato che i “tentativi di negare o sminuire” eventi violenti, compreso l’Olocausto, saranno eliminati.

“Condanniamo fermamente l’antisemitismo, e i comportamenti odiosi non hanno posto nel nostro servizio”, ha dichiarato il portavoce. “Abbiamo in vigore anche una solida norma contro la ‘glorificazione della violenza’, e interveniamo contro i contenuti che glorificano o lodano atti storici di violenze e genocidi, incluso l’Olocausto”.
   

fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *