(ANSA) – BRUXELLES, 31 LUG – Il Consiglio dell’Ue ha deciso,
per la prima volta, di imporre sanzioni a seguito di attacchi
informatici. Le misure restrittive sono state emesse nei
confronti di sei persone e tre entità – russe, cinesi e della
Corea del Nord – responsabili di aver compiuto vari attacchi
informatici o di avervi preso parte.
    Fra questi, il tentato attacco informatico russo ai danni
dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche
(Opcw) e gli attacchi pubblicamente noti come “WannaCry”, “NotPetya” e “Operation Cloud Hopper”.
    Le sanzioni imposte includono il divieto di viaggio e il
congelamento dei beni. È fatto inoltre divieto di mettere fondi
a disposizione delle persone ed entità inserite nella lista
nera. (ANSA).
   

fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *