(ANSA) – WASHINGTON 12 FEB – Le Big Five dell’industria
hi-tech americana finiscono nel mirino dell’antitrust. La
Federal Trade Commission (Ftc) vuole vederci chiaro sulle
acquisizioni finalizzate negli ultimi anni da Amazon, Apple,
Facebook, Microsoft e Alphabet, la società che controlla Google.
    Per questo ha chiesto tutte e cinque le aziende le informazioni
sulle operazioni realizzate dal primo gennaio 2010 al 31
dicembre 2019. La richiesta, comunque, non dovrebbe riguardare
le maxi operazioni, quelle più importanti che negli anni hanno
interessato la Silicon Valley e la West Coast in genere, come
l’acquisto da parte di Facebook di Instagram e di WhatsApp.
    Tutte acquisizioni che già sono state a suo tempo al vaglio
delle autorità federali e che hanno ricevuto un ok anche dal
Dipartimento di giustizia. Piuttosto si indagherà sulle
acquisizioni più piccole, quelle che di solito non necessitano
di una particolare notifica alle autorità antitrust e che hanno
un valore inferiore ai 90 milioni di dollari. La decisione del
board Ftc, presa all’unanimità, è quindi tesa a comprendere
meglio come le Big Tech usano le acquisizioni per accumulare
sempre più potere, un aspetto che viene sempre più contestato a
tutti i livelli. Inoltre si vuole verificare in maniera più
approfondita come i dati delle società acquisite, spesso dati
sensibili e personali, vengono utilizzati. Questo anche alla
luce dei diversi scandali verificatisi negli ultimi tempi, dal
caso Cambridge Analyitica in giù. Intanto sul fronte delle
fusioni è arrivato il via libera da parte di un giudice
distrettuale alle nozze tra T-Mobile e Sprint, la terza e quarta
società di tlc negli Stati Uniti. Si tratta di un’operazione da
26 miliardi di dollari con cui il nuovo polo lancerà la sfida
sul fronte della tecnologia wireless e delle reti di nuova
generazione 5G ai colossi At&t e Verizon. La fusione è destinata
a dare uno slancio enorme alla competizione nel settore, anche
se ancora manca l’autorizzazione dell’autorità della California.
   

fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *